Sistemi di Accumulo Fotovoltaico: cosa sono e a cosa servono

Quando si parla di impianti fotovoltaici, non bisogna scordarsi anche di un elemento fondamentale che risulta essere presente in questi particolari strumenti, ovvero i sistemi di accumulo.
Ecco di cosa si tratta tale oggetto.

 

L’energia elettrica in circostanze particolari

Gli impianti fotovoltaici, molto diffusi in Italia, rappresentano uno strumento in grado di produrre energia elettrica senza alcuna tipologia di problematica.
Ma cosa succede di notte, quando il sole risulta essere assente?
Tecnicamente, la corrente elettrica dovrebbe essere completamente assente nell’abitazione che sfrutta questi particolari sistemi ma, grazie alla tecnologia, ecco che la soluzione è stata trovata immediatamente.
Sono stati creati dei sistemi di accumulo fotovoltaico, ovvero delle particolari batteria che immagazzinano una parte della corrente elettrica, la quale potrà essere sfruttata sia per l’autoconsumo, sia per la vendita alla compagnia elettrica con la quale si è stipulato un contratto di compravendita di energia elettrica.
Tali sistemi riescono quindi ad evitare che, in un’abitazione, la corrente elettrica possa venire a mancare anche solo per un istante.

 

Come funzionano queste batterie

Quando si parla di batterie che assumono il ruolo di sistemi di accumulo fotovoltaico, si parla di dispositivi che risultano essere delle batterie intelligenti.
Questo per il semplice fatto che, le suddette, sono accompagnate da un particolare chip che comunica, in maniera continuativa, con la centralina che gestisce l’impianto fotovoltaico.
Questo vuol dire che, in caso di mancanza del sole, il sensore dell’impianto fotovoltaico riesce a capire se, l’energia prodotta dal sistema, deve essere conservata nelle batterie oppure se deve essere utilizzata nella casa per poter garantire il corretto funzionamento dei vari elettrodomestici e sistemi di illuminazione presenti all’interno di un’abitazione.
Bisogna quindi sottolineare che, grazie a questa particolare aggiunta, sarà sempre possibile tenere sotto controllo la propria casa e situazione energetica.
Il tutto avverrà in maniera rapida e veloce in quanto, i dati, devono essere scambiati senza che vi siano problemi o ritardi durante l’intera fase di verifica della situazione.

 

Quanto costa tale impianto

Bisogna sottolineare che, la presenza degli accumulatori di energia elettrica, fanno aumentare il costo di un sistema fotovoltaico residenziale.
Generalmente, la spesa per poter avere tale tipologia di sistema nella propria abitazione risulta essere di quattromila euro: un impianto fotovoltaico da quattro KW ha un costo pari a circa ottomila euro, che garantisce comunque la possibilità di poter ottenere un grosso risparmio energetico.
Con dodicimila euro di spesa, è possibile ottenere un risparmio di circa ottocento euro annuali sulla bolletta della corrente elettrica, più un extra di duecento euro.
Pertanto è possibile notare come, in dieci anni circa, sarà possibile poter riuscire a recuperare i soldi che vengono sfruttati in questo particolare tipo di investimento.
Questi dati possono variare in base al tipo di sistema fotovoltaico che viene utilizzato e dal tipo di batteria che, una persona, decide di utilizzare al massimo per poter risparmiare sui diversi costi della bolletta della luce.

Potrebbero interessarti anche...